Chi è Morant?

Temetrius Jamel Morant (conosciuto come “Ja”) è nato il 10 agosto 1999 a Dalzell (Carolina del Sud): è un cestista (playmaker), gioca con i Memphis Grizzlies ed è abile nel pick & roll ed in campo aperto.

Vincitore del premio “Rookie of the Year 2020”.

Per Morant è uno show mentre per Warrions è una sconfitta

Memphis, conferma di appartenere alla squadra del NBA sconfiggendo il Golden State con 116-108 al FedEx Forum.

I Grizzlies vincono per dieci volte consecutive confermando di essere una grande rivelazione del West: si tratta di una squadra importante e compatta.

Ja Morant, vince il confronto con Steph Curry e porta la sua squadra alla vittoria.

Si tratta di una vittoria che potrebbe cambiare la stagione cestista dei Grizzlies in quanto potrà dare maggiore fiducia ad una squadra emergente il cui successo la fa crescere.

Per Golden State, una terza sconfitta in 4 partite a causa dell’assenza di Draymond Green (per un problema al polpaccio).

Il grido del successo dei Grizzlies

Morant, afferma, che dopo la vittoria dei Memphis, i Grizzlies, vengono rispettati: ci sono i 20 successi delle ultime 24 partite che testimoniano che loro sono cresciuti professionalmente e, quanto ora, siano pericolosi.

Il 22enne Morant, che desidera arrivare all’ “All Star Game alla carriera”, sostiene che, hanno dimostrato di essere una delle migliori squadre NBA.

Jan, ha confermato che, i Grizzlies hanno chiuso la partita con 6 giocatori in doppia cifra: di notevole importanza la presenza di Tyus Jones (5 triple a bersaglio e 8 assist dalla panchina), determinante la partecipazione nel finale di Jaren Jackson Junior (13 punti, 11 rimbalzi e 3 stoppate) e decisivo l’intervento di Zaire Williams (oltre 17 punti).

I Grizzlies, nel primo tempo, sono stati meravigliosi e molto capaci di dimostrare la loro bravura in campo ma, sono giovani, e devono ancora migliorare: lo stanno facendo partita dopo partita ma la strada è ancora lunga.

Jackson, ha raccontato che questa vittoria per loro è molto importante perché, loro, vivono nel presente ma guardano sempre avanti.

Il grido di paura dei Warriors

Secondo Steve Kerr, sono state belle partite quelle delle due squadre del NBA, ma non hanno giocato abbastanza bene per portare la squadra alla vittoria.

Kerr, preferisce concentrarsi su Klay Thompson dei Warrions, che insieme a Gary Payton è il giocatore che ha giocato meglio di tutti.

La mancanza di Green, ha fatto in modo che Kerr, abbia messo molto tempo per trovare il modo di funzionare in difesa: ha giocato meglio con Payton che con Juan Toscano-Anderson.

Lo sport non è solo basket statunitense ma anche altro: dai un’occhiata a questo articolo: http://www.alternativa-politica.it/jannik-sinner-prima-lo-sci-poi-il-tennis/.

La partita vincente

Morant fa vincere nel primo quarto la sua squadra con 49-31: il march diventa un testa a testa inverosimile…spettacolo puro!

I Grizzlies ribaltano tutto con una partenza molto veloce grazie a Williams…

Alla finale il Memphis ha 10 vittorie consecutive…

  • Memphis: Morant 29 (10/19 da due, 1/4 da tre, 6/8 tiri liberi), Williams 17, Jones 17. Rimbalzi: Jackson 11. Assist: Morant 8, Jones 8;
  • Golden State: Curry 27 (6/12, 2/9, 9/10 tl), Thompson 14, Wiggins 13, Payton 13.
  • Rimbalzi: Curry 10. Assist: Curry 10.

Una partita vincente è anche il saper mettersi in gioco con le scommesse: vai a questo sito per informarti…www.betmasteritalia.info

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.